0 18 novembre 2016

La pulizia dei denti è alla base della salute della nostra bocca. Non è solo questione di avere denti bianchi e belli da mostrare, o meglio, questo è quello che si ottiene alla fine di un percorso fatto di igiene e prevenzione, pulizia del cavo orale, controlli programmati dal dentista e rafforzamento di denti e gengive. Ma quali sono i passi da compiere per una corretta igiene orale?

Denti puliti, le basi dell’igiene e della prevenzione dentale

Alla base di una corretta igiene orale c’è senza dubbio una routine ben collaudata di pulizia dei denti con spazzolino, scovolino o filo interdentale. La prima regola per avere una bocca sana è, infatti, quella di lavarsi i denti in maniera regolare, dopo i pasti e prima di andare a letto. In caso contrario, pulizie dei dentali irregolari possono causare l’accumulo di placca batterica e tartaro, fino a determinare danni irreparabili alla bocca. Naturalmente, anche la fase precedente alla pulizia – quella dell’alimentazione, ha la sua notevole importanza. Cibi e bevande che contengono zuccheri sono sicuramente più dannosi e facilitano la proliferazione batterica, velocizzando il decadimento. In linea di massima possiamo dire che una dieta ricca di verdura, con il giusto apporto di minerali, è consigliabile e può avere un ruolo benefico nella prevenzione di malattie al

0 18 novembre 2016

Quali sono i pericoli legati all’estrazione di un dente? Si tratta di un’operazione semplice, da affrontare senza alcuna preoccupazione, oppure c’è bisogno di informarsi per prendere tutte le precauzioni del caso? Innanzitutto, chiariamo subito un punto: non c’è ragione di agitarsi. L’operazione di estrazione dei denti, definita anche ‘avulsione’, è un’operazione di routine, alla quale si sottopongono uomini e donne ogni giorno e viene praticata quotidianamente dai dentisti professionisti di tutto il mondo. Si tratta, quindi, di un’operazione che può essere definita ordinaria, che si rende necessaria per garantire lo stato di salute della bocca. Non c’è motivo di spaventarsi, l’importante è affidarsi ad una clinica odontoiatrica seria e seguire le indicazioni del tuo dentista, soprattutto in fase post-operatoria. Affidandoti ad una clinica odontoiatrica puoi affidarti ad un dentista specializzato in chirurgia, la branca dell’odontoiatria che si occupa delle estrazioni.

Operazione di estrazione di un dente, quando si rende necessaria

L’operazione più comune è quella di estrazione del dente devitalizzato. Quando un dente è malato e rischia continuamente di infiammarsi causando gonfiori e dolore, allora si procede rimuo Carie ai denti: le cause e i sintomi

0 18 novembre 2016

La carie ai denti è sicuramente uno dei problemi più diffusi relativi al cavo orale, si calcola che oltre il 90% della popolazione mondiale ne sia affetto. Riguarda soprattutto bambini e adolescenti, più esposti e meno inclini ad una pulizia sistematica di denti e gengive, ma ne sono colpiti anche individui adulti di ogni età. Si tratta di una patologia degenerativa che attacca prima i tessuti duri ed esterni al dente, come lo smalto e la dentina, per arrivare nei casi più gravi, a intaccare anche la polpa dentale.

Ma perché vengono le carie ai denti?

La mancanza di una corretta igiene orale porta all’accumulo di placca, una patina dura, un agglomerato composto da microrganismi batterici (germi) che ricopre parte dei denti e si fortifica diventando in alcuni casi tartaro. Quando la placca prolifera indisturbata nel nostro cavo orale, accumulandosi sui denti, si produce un ambiente in cui i batteri trasformano lo zucchero in acido. In altre parole questi germi sono in grado di combinarsi con alcune molecole di carboidrati complessi, capaci di fermentare – come saccarosio, fruttosio e glucosio, e quindi di produrre acido. A questo punto l’acido consuma lo smalto e raggiunge lo strato successivo, la dentina, una parte morbida del dente e facilmente attaccabile, per arrivare fino

0 17 novembre 2016

Secondo recenti statistiche, la percentuale di coloro che cercano di nascondere la loro dentatura quando sono fotografati, è molto alta. Si stima che tra il 15% e il 20% delle persone – uomini e donne indistintamente – si vergognino di mostrare i loro denti.

Chi ha un buco visibile e non può aprire la bocca in un bel sorriso a trentadue denti, chi ha paura a mostrare incisivi e canini perché cariati macchiati o ricoperti da una sottile patina di sporcizia. Denti gialli, marroni e neri sono un problema che va oltre l’aspetto estetico e relazionale.

Il cavo orale è la porta d’accesso del nostro corpo verso l’esterno e da qui si possono generare pericolose infezioni.

Perché è importante avere denti belli? Dentatura e status sociale nell’epoca dei social

Per macchiarsi i denti basta poco. Ad esempio chi è abituato a bere spesso caffè, tè e vino o chi fuma è sicuramente un soggetto a rischio. Soprattutto se non segue una ser